Archivio della categoria: Giochi

I confini del gioco

In periodi di crisi economica, finanziaria e delle coscienze, si assiste sempre ad un aumento del piacere del rischio e la passione per l’incerto, di cui fanno parte anche tutti i giochi d’azzardo, non è un caso infatti che l’attuale momento storico particolare sia portatore di un incremento, diffuso in tutta Europa, di persone che hanno il vizio del gioco.

Questo aumento di giocatori non si limita alla sola categoria degli adulti, molti adolescenti ne sono infatti coinvolti ed affascinati, per i giovani è molto facile lasciarsi prendere da pratiche emulative nei confronti degli adulti, e seguire dei modelli che di fatto sono complessi, con il rischio che divenga un esclusivo circolo vizioso su una fuorviante natura del gioco.

Allo stesso tempo esiste una mitologia non solo contemporanea legata al gioco, il rischio rimane un elemento centrale nelle caratteristiche di molti personaggi del Cinema e della Televisione in Primis, si pensi ad Ocean’s Eleven e la sua fortunata serie, al “Giocatore” con un Matt Damon che diviene tutt’altro che un modello negativo, un giocatore di Poker con un suo metodo matematico, il gioco come Arte e la possibilità di gareggiare ai più alti livelli mondiali. Un sito di casinò online può essere un’esperienza divertente se fatta con precauzione e controllo delle risorse investite, molti giochi adesso sono anche social ed in modalità multigiocatore.

La ludopatia rappresenta invece un problema reale ed attuale, anche a fronte dello scenario economico sociale appena sopra affrontato, molti giovani si avvicinano al gioco in maniera del tutto casuale, in un modo sbagliato che li porta spesso ad averne un’esperienza negativa, una corretta educazione in questo senso diviene fondamentale.

Esistono anche associazioni che hanno come obiettivo quello di educare i giovani ad un gioco responsabile, e risolvere problemi legati alla ludopatia, come Giocaresponsabile ad esempio. Spesso chi è affetto da ludopatia avverte una irresistibile necessità di confrontarsi con tutti i giochi a sua disposizione, senza nessuna esclusione. L’altra faccia della medaglia è rappresentata dal fatto che esistono comunque delle modalità, per chi è appassionato di gioco, di apprendere un’arte che ha delle radici, una storia e delle tradizioni senza per forza sfociare in una malattia quale la ludopatia è.

Per i più giovani diviene cruciale il ruolo dei genitori e delle istituzioni, come sempre famiglia e scuola rappresentano le chiavi di lettura ed interpretazione del mondo circostante.

Zampella e la creatività nei videogames

Ci sono alcuni personaggi che hanno segnato la storia del mondo dei videogames e Vince Zampella si prende sicuramente una fetta importante della storia recente, grazie alla sua creazione e partecipazione alla crescita di un brand come Call of Duty.

Dal momento della rottura con Activision e dall’abbandono di COD, Zampella è passato alla creazione di un nuovo studio chiama Respawn Entertainment che sta per uscire con un nuovo IP, chiamato Titanfall. La curiosità di questo titolo è che sarà unicamente un gioco online, e non si avvarrà della campagna single player. Secondo le dichiarazioni di Zampella infatti ormai il single player non è piu di appeal per il pubblico, ed è inutile investire preziose risorse economiche e di tempo in una sezione del gioco che non finirebbe nessuno.

Ad un primo impatto potrebbe sembrare un’analisi piuttosto superficiale, ma in realtà per questo tipo di titoli potrebbe essere una mossa intelligente, in quanto offre uno spaccato di quello che chiedono gli utenti a questo genere di giochi, ovvero la competizione. Il resto, soprattutto quando la trama è piuttosto scarna e si imposta sulla spettacolarità degli effetti grafici. Zampella sembra essere sicuro e bisogna dare credito a quello che un top player come lui sembra aver capito del mondo degli online games. Aspettiamo a giudicare il prossimo titolo per capire se aveva ragione oppure no.

Google investe nei videogiochi

E’ ormai ufficiale che Google vuole entrare in maniera prepotente nel mondo dei giochi online mobile. Sembra infatti che la presentazione all’ultimo Google I/O sia proprio legata ad una strategia sul lungo periodo che miri ad integrare le potenzialità del desktop con quelle delle piattaforme mobili. In primo luogo quindi da sottolineare che l’obiettivo di Google è proprio quello di unire con un framework competitivo tutte le app presenti su Google Play, in modo da offrire effettivamente un qualcosa di paragonabile al Game Center di Apple, che ha fatto un’operazione simile per portare unione di punteggi e score tra iPhone, iPad e Mac OS X.

Insomma, sembra che effettivamente ci sia sempre maggiore interessa per prendersi una fetta dei giochi mobile, ed espanderli anche verso il modello freemium, che offre la possibilità di inserire maggiori idee livello advertising anche per aziende di terzo livello che vogliono investire. Ad oggi infatti sappiamo che la crescita mese su mese è davvero impressionante, ed era solo questione di tempo affinchè un colosso come Google decidesse di affacciarsi seriamente con la propria piattaforma. Speriamo che presto potremo vedere i primi giochi prodotti con il nuovo framework, anche per valutare la bontà del progetto. Che sia l’inizio di un’era, anticipata da qualche beta, di un nuovo impero videoludico?

Fra i giovani è ormai QuizCross il gioco del momento

Il successo di QuizCross è un qualcosa che va oltre le stesse aspettative degli sviluppatori. MagStudios infatti si aspettava probabilmente di non replicare immediatamente la grande popolarità di Ruzzle, ed invece la leva competitiva di questo gioco online è stata subito molto apprezzata dai giocatori di tutto il mondo. La modalità di gioco è piuttosto semplice, ci si sfida su una scacchiera dove l’obiettivo è quello di fare tris. Ma le pedine si possono conquistare rispondendo ad una serie di tre domande su categorie predefinite, in primis Storia, Geografia, Scienza e Musica. Non mancano anche le domande sui Film e i cosiddetti bonus, ovvero le domande varie e la sezione Quiz Cross, la pedina centrale, che contiene ovviamente le tre domande più difficili di tutta la scacchiera.

Il successo è stato immediato, con una pervasività che sta portando il gioco a scalare le classifiche di tutta Europa, e non solo. Gli sviluppatori hanno detto che il massimo impegno è dedicato a combattere il fenomeno del “baro”, che soprattutto in Italia, cosi come già successo per Ruzzle, sta diventando piuttosto evidente. Come fare? verrà a breve rilasciato un aggiornamento senza descrizione che cancellerà ogni possibilità di imbrogliare. Insomma, un successo che però non ha fatto perdere di vista agli sviluppatori le cose importanti, ovvero il divertimento. Se ancora non avete provato QuizCross vi invitiamo a provarlo al più presto, è davvero la “hot thing” del momento sull’App Store e sul Play Store.