Archivio tag: Scuola

Smart Future: digitalizzare la scuola con i tablet

 

In Italia si parla tanto di digitale, di informatica, di nuove tecnologie e di come siamo tutti d’accordo sul fatto che queste debbano al più presto diventare parte integrante dei programmi scolastici.
Purtroppo però per quanto i più giovani – i cosiddetti nativi digitali – dimostrano già buone capacità tecniche nell’utilizzo degli strumenti informatici, genitori e insegnanti spesso non sono al passo e neanche il Governo ha mai pensato di sfruttare in maniera strutturata queste skills tecnologiche all’interno dei luoghi di formazione. L’Agenda Digitale di cui tanto si è parlato infatti, è diventato decreto (a partire dall’anno scolastico 2014-15), ma sono ancora pochi i genitori che si sono avvicinati al mondo dell’editoria 2.0 e che vedono come realmente utile l’iniziativa: basti pensare che ancora il 50% degli italiani non naviga in Internet.
Per provare a colmare questo gap tra digitalizzazione e formazione è nato Smart Future, un progetto internazionale creato dall’azienda sudcoreana Samsung con l’intento di promuovere appunto la digitalizzazione e le sue potenzialità nell’ambito dell’istruzione. Da settembre (con aprifila Lombardia e Lazio) e per i prossimi 3 anni, verranno create in Italia circa 300 classi digitali. L’azienda hi-tech si occuperà prima della formazione dei docenti e poi svilupperà dei programmi digitali di apprendimento che verranno somministrati agli studenti, i quali al fianco dei classici libri e quaderni, avranno a disposizione dispositivi interattivi come e-book e tablet.
Un’operazione di marketing? Può darsi, ma a noi la possibilità di studiare in modo più smart ci piace, e comunque strumenti e contenuti di formazione digitali sono già a disposizione di tutti. Per cui se volete iniziare a prendere confidenza con la formazione digitale, potete già scaricare libri e test in formato elettronico sulle due principali piattaforme di distribuzione Apple Store (per iPhone ed iPod) e Google Play (per Android) alcuni anche a meno di 10 euro a pezzo; nei numerosi shop online di informatica è invece possibile acquistare su siti come questo i tablet Samsung o di altri brand, spesso soggetti ad offerte e scontistiche.
Speriamo quindi che si inizi ad applicare il digital-learning, dentro e fuori le scuole, così come auspicato anche da organi internazionali come l’Ocse, che in una recente relazione ha messo nero su bianco le lacune del sistema scolastico italiano in tema di digitalizzazione.
Per parafrasare il nostro amato Steve “stay digital, stay foolish”!

Consegui anche te il diploma online oggi stesso !!!

Scuola Online 2.0 rappresenta l’unione di più di 30 scuole paritarie sparse per l’Italia. Stiamo parlando di scuole che operano da almeno 20 anni nel settore dell’Istruzione e che per primi hanno voluto rivolgere la loro offerta formativa alle persone che , per impegni lavorativi, famigliari o personali non hanno la possibilità di frequentare un qualsiasi corso scolastico.

Il diploma online rilasciato è al 100% valido e tutti gli esami si tengono presso scuole Paritarie, riconoscibili tramite il proprio codice meccanografico identificativo. In poco tempo e senza alcun tipo di obbligo di frequenza, avrete la possibilità di gestire lo studio in base ai vostri impegni lavorativi o famigliari.

Pensate che sono centinaia le persone che ogni anno conseguono il diploma con noi. Per avere maggiori informazioni, potete chiamare senza alcun impegno per richiedere una consulenza o un preventivo gratuito.

Desideriamo ricordarvi di affrettarvi perché i posti disponibili in sede d’esame presso le Scuole Paritarie convenzionate sono limitati. Per maggiori informazioni sul recupero anni, invia un’email a: info@scuolaonline.com Diploma, Laurea o recupero anni scolastici? Con Scuola 2.0 avrete la possibilità di accedere all’Università Online.

E’ arrivato il momento di utilizzare internet per l’insegnamento a distanza e da oggi grazie a questo incredibile servizio è possibile frequentare le lezioni universitarie in qualsiasi momento. Si tratta di un modello di insegnamento innovativo che rappresenta più del 25% dell’intera offerta formativa.

Per potersi iscrivere ai corsi sono necessarie dei requisiti:

avere almeno 17 anni compiuti ed essere in possesso di Licenza Media.

avere almeno 23 anni compiuti se non in possesso di Licenza Media.

Questi requisiti vengono richiesti perché i corsi online sono orientati sia verso gli studenti che devono recuperare anni persi, sia per lavoratori che anche senza licenza media, hanno un’esperienza pluriennale nel mondo del lavoro.

Al momento dell’iscrizione vi saranno richiesti i seguenti documenti:

Licenza Media Originale

Estratto dell’Atto di Nascita (o autocertificazione)

Certificato di residenza (o autocertificazione)

Fotocopia Documento d’identità

Fotocopia Codice Fiscale

2 Fototessere

I costi dei corsi online variano in base al tipo di scuola e alla località scelta come s’de di esami. Prima dell’inizio del corso, basterà versare solamente una piccola quota d’iscrizione, mentre il saldo potrà essere versato alla fine dell’anno accademico.

Ai tempi delle scuole sponsorizzate

Pensando alla situazione del sistema scolastico Italiano caratterizzato dai continui tagli previsti dagli ultimi governi, le condizioni inefficienti delle strutture e dei servizi, le classi sempre più affollate e gli insegnanti tra precariato, tagli di stipendio, concorsi bloccati o inesistenti sono molti i genitori che progettano di iscrivere i propri figli presso le strutture scolastiche e formative private. Ciò spiega l’aumento degli iscritti alle scuole private a Milano, Roma, Torino e altri importanti centri urbani, in linea con i dati del quotidiano La Repubblica che registrano come l’iscrizione presso le scuole paritarie rispetto alle pubbliche sia aumentato dell’8 % rispetto all’1,8% del settore pubblico nel periodo che va dagli anni accademici 2004/2005 al 2010/2011.

La principale causa del crollo degli iscritti delle scuole primarie e secondarie pubbliche è da identificarsi soprattutto con i tagli all’istruzione. Diversi istituti su tutto il territorio Italiano ha dovuto quindi far fronte a situazioni di bilancio davvero drammatiche che ha portato a soluzioni immediate inevitabili con conseguenza il peggioramento della qualità dell’istruzione e dell’educazione dei bambini e ragazzi: licenziamenti del corpo docente e degli operatori scolastici, accorpamento di più istituti sotto un’unica presidenza e segreteria, costituzione di classi più numerose e quindi più difficili da gestire, tagli alle attività extrascolastiche, mancanza di strumenti didattici idonei.

Caso eccezionale nel panorama Italiano che potrà essere preso da esempio per la razionalizzazione delle risorse e il reperimento delle stesse laddove governi e ministeri vengono meno è il Liceo Classico Beccaria di Milano, che ha indetto un progetto innovativo, efficace, efficiente e soprattutto veloce. Il nome del progetto è “Adotta un cervello” e sembra essere l’idea di un genitore di un alunno dell’istituto. Il meccanismo è semplice e si basa sulla sponsorizzazione.

Per far fronte alla mancanza di fondi pubblici per dotare l’istituto di un Aula Magna multimediale al passo con i tempi, in linea con le esigenze formative e le capacità di fruizione dei giovani studenti si è proposto alle aziende private di finanziare e quindi sponsorizzare il liceo classico. Proprio sul taglio dell’imprenditorialità si è offerto ad aziende private di sponsorizzare la costruzione della nuova Aula in pochissimo tempo sono stati raccolti 25 mila Euro per la dotazione delle tecnologie e dei supporti multimediali necessari per lo svecchiamento dell’Aula Magna e renderla veramente all’avanguardia.

Alle aziende private sono stati proposti diversi pacchetti per partecipare da 5000, 10000 e 15000 Euro in cambio del proprio nome sulla targa degli sponsor nell’Aula stessa, il logo sul sito web dell’istituto e viceversa la possibilità di pubblicare il logo e rendersi partners del più antico e rinomato Liceo di Milano sulle proprie pagine aziendali. La prima azienda aderente all’iniziativa è stata una libreria specializzata in editoria per la scuola.

Buon esempio di autogestione finanziaria nato dagli stessi genitori e ragazzi che potrebbe spingere altre realtà tutt’ora in crisi a scegliere strade alternative e creative per garantire la piena efficienza del proprio operato.

Il killer della scuola di Tolosa ha registrato la strage

Il folle che ha compiuto una strage dinanzi alla scuola ebraica di Tolosa non è ancora stato preso, ma il Presidente Sarkozy fa presente che presto verrà catturato, anche perché aveva una piccola telecamera atta a riprendere il gesto. Hanno confermato il fatto alcuni testimoni, così come anche il ministro dell’Interno Claude Guéant: il folle assassino aveva una telecamera attaccata al collo mentre faceva irruzione della scuola Ozar Hatorah. Il modello di questa telecamera potrebbe essere un “GoPro”, di solito in dotazione ai paracadutisti dell’esercito francese. L’ipotesi, quindi, sembra essere quella di un uomo allontanato dal corpo armato per simpatie neo naziste che si è voluto vendicare. Probabilmente l’idea dell’uomo era quella di filmare la scena per farne un video da diffondere. Le ricerche dell’assassino continuano, mentre nelle scuole ebraiche della Francia sono state aumentate le misure di sicurezza dato che l’uomo è ancora a piede libero e non è stato riconosciuto.