Archivio tag: giovani

Estate: fra i giovani spopola la dieta anti caldo

Come sempre l’estate è alle porte e l’afa si fa sentire, molte persone cercano delle soluzioni per sfuggire all’afa, puntando magari a uno stile di vita maggiormente sano e più attento a certi dettagli, se pensiamo al caldo nella stagione estiva, la prima cosa che ci viene in mente è una stanza con un climatizzatore acceso.
Nella stagione estiva non sono solo il caldo e l’afa a infastidirci, il nostro corpo e il nostro metabolismo cambiano radicalmente, la trasformazione è legata al fatto che il nostro corpo richiede una quantità di calorie più bassa rispetto alla stagione invernale, si tende a mangiare anche di meno, cercando invece di compensare la perdita di liquidi con una maggiore assunzione di sostanze liquide.
Esistono sicuramente una serie di accorgimenti che come tali, aiutano a vivere la stagione estiva nel modo giusto, per prima cosa cambiare il proprio regime alimentare, fare piccoli pasti più volte al giorno, aiuta a non appesantire il proprio fisico.
Una dieta ricca di verdura e frutta aiuta ad affrontare il caldo nella maniera giusta, evitare il consumo di cibi ricchi di calorie e di grassi è la cosa migliore, infatti in estate il nostro corpo, necessita di una quantità molto minore di grassi e carboidrati.
Per questo già dal mattino è bene iniziare con un’alimentazione a base di frutta, una abitudine molto sana da adottare poi nel corso della giornata, nei bambini durante la stagione estiva è molto importante abituarli a una alimentazione a base di frutta e verdura.
Potremmo definirla come la dieta anti caldo, un modo per affrontare caldo e afa nel modo giusto, consentendo al nostro organismo di sopportare il caldo nella maniera giusta, vediamo ora un esempio di colazione anti caldo.
Iniziare la mattina con uno yogurt a base di cereali e frutta fresca, in alternativa marmellata. Durante il pranzo un piatto unico come ad esempio una bella insalata di riso, per finire una bella macedonia di frutta.

I giovani e la “dipendenza” dai cellulari

Gli italiani si confermano come il popolo che più di ogni altro è letteralmente “dipendente” dagli smartphone, una dipendenza questa che interessa soprattutto i più giovani. Da alcune ricerche recentemente condotte è infatti emerso che ben il 60% dei giovani sarebbe impossibilitato ad uscire di casa senza avere il cellulare con sé, mentre il 73% dichiara di non considerare il proprio smartphone come un semplice telefono.
I numeri appena esposti non dovrebbero però sorprendere più di tanto, visto che ormai gli smartphone hanno avuto una diffusione capillare e sono utilizzati per svolgere qualunque tipo di attività; non ci si limita più a telefonarsi, a scambiarsi messaggi, ma si usano i cellulari per scattare e condividere foto, per chatatre con gli amici, per navigare in Rete e così via.
Sempre più tecnologici e avanzati, gli smartphone stanno sostituendo i tradizionali pc; non è quindi un caso che ben il 73% degli italiani consideri il proprio smartphone come un mini-computer portatile, con l’enorme vantaggio di averlo sempre con sé e di poterlo portare praticamente ovunque.
A “soffrire” di questa dipendenza da smartphone sono soprattutto i più giovani, sempre alla ricerca del modello più avanzato e tecnologico. A dimostrare ulteriormente il successo di questo oggetto tecnologico sono le vendite; i prezzi dei cellulari e degli smartphone continuano a salire e raggiungono in molti casi vette impensabili, ma questo non sembra bloccare la brama dell’acquisto.
Spulciando meglio le abitudini degli italiani si scopre che il cellulare viene utilizzato molto per navigare in rete, visitare i social network e tenersi in contatto con amici e parenti, ma sembra che se ne faccia ancora un uso molto limitato per quanto concerne la lettura di giornali e libri; la ragione di questa tendenza si rintraccia probabilmente nel fatto che la lettura risulta ancora troppo scomoda.
A stupire è invece il fatto che, nonostante la dimestichezza con questo strumento, pochi ne sfruttano appieno le potenzialità. Ad esempio solo il 40% conosce davvero le potenzialità del proprio apparecchio, mentre la maggior parte fa un uso limitato di tutte le funzioni degli smartphone e soprattutto delle app. Uno dei dati più sorprendenti è rappresentato dal fatto che i giovani fino a 24 anni vedono il proprio smartphone come una parte di sé, apprezzandone soprattutto le funzioni legate alla socialità.

Giovani e prima casa: è il momento giusto per comprare?

 

Giovani e prima casa: un argomento sempre scottante. Dopo anni di coinquilini improbabili, stanze proibitive e andirivieni da casa di mamma e papà, per molti avere una propria tana – che sia un nido d’amore o un rifugio per single – comincia ad essere una necessità.
Il momento non è però dei più rosei per fare il grande passo, abbandonare stanze e affitti e accendere un muto: precariato e crisi economica sono degli ostacoli che minano l’indipendenza dei giovani italiani.
Proprio per far fronte a questa emergenza sociale, nel 2010 è stato attivato a livello governativo il Fondo per l’accesso al credito per l’acquisto della prima casa, dedicato alle giovani coppie decise ad acquistare il loro primo immobile. Negli ultimi mesi sono state apportate ulteriori modifiche al testo iniziale della legge permettendo l’accesso al fondo a coloro che sono impiegati con un lavoro atipico. La nuova normativa prevede inoltre che l’indicatore ISEE del nucleo non superi i 35 mila euro, che l’appartamento non sia più grande di 95 mq e che le banche che concedono il mutuo non possano richiedere ulteriori garanzie alla coppia se non di tipo assicurativo.
Lato compravendita c’è un’altra bella notizia: il rovescio della medaglia della crisi è che i prezzi continuano a calare, anche nelle grandi città come Roma Milano e Firenze; basta visitare un sito di compravendita immobiliare, come ad esempio quello di Gruppo Toscano, e rendersi conto del ribasso per costo/metro quadro. Roma in particolare, pur restando la più cara, è quella che ha registrato il ribasso più sostanzioso; i quartieri dove conviene comprare casa? Montesacro, Cassia/Flaminia e Appia Antica sono circa al -10%, Centro Storico e Parioli -11% e i più economici Nomentano e San Lorenzo al -13%.
Lato mutui invece il tasto resta dolente: le banche si sono mostrate da subito fredde riguardo all’istituzione dell’agevolazione statale, ed infatti a parte pochi esempi virtuosi come Mutuo Smeraldo – Fondo per la casa di Banca Sella, non sono molte le offerte che permettono di accedere al Fondo di garanzia per l’accesso al credito con condizioni agevolate.

Giovani e tecnologia, cosa preferiscono

Sono stati molti gli studi fatti sull’ interazione che i giovani di oggi hanno con la tecnologia, e c’è una cosa che viene evidenziata in ognuno di essi, e cioè il fatto che i giovani vedono nelle nuove tecnologie l’opportunità per stringere nuove amicizie, che vengono rese ancora più salde dal fatto che si può stare costantemente in contatto con tutti ovunque si voglia.
Quindi quello che si può dire è che i giovani non amano la tecnologia in quanto tale, ma solo perché gli permette di comunicare con gli altri e di avere momenti di svago e divertimento ogni qualvolta li desiderino. Questo non toglie che per i giovani i costi di acquisto della tecnologia di alto livello non siano quasi sempre inaccessibili, a meno di trovare offerte online, come quella per l’ultimo iPad 4 Apple che un sito web ha messo a disposizione per gli utenti registrati.
Spesso si tende a pensare che la tecnologia stia sostituendo le interazioni interpersonali tra i giovani, ma dal loro punto di vista si tratta semplicemente del fatto che i vari dispositivi tecnologici gli permettono di migliorare la comunicazione, proponendola in forme nuove e sempre più semplici.
Quindi tutte le nuove forme di comunicazione digitale, come gli instant message, le email, le chat, i social network e così via, sono viste come i mezzi che verranno usati anche in futuro per l’interazione sociale. In questo senso le preferenze dei giovani vanno quindi verso quei dispositivi che permettono loro di avere tutto questo a portata di mano sempre e dovunque.
Per questo motivo le vendita di smartphone di ultima generazione e tablet è aumentata sensibilmente fra i giovani, questo nonostante i prezzi di questi splendidi dispositivi siano abbastanza alti. Per loro fortuna i più scaltri conoscono il web come le loro tasche, e quindi sono in grado di trovare l’offerta per l’iPad Mini sempre di Apple al prezzo più basso.
Ultimamente con la nascita dei primi PC ibridi, cioè i personal computer che possono diventare dei tablet all’occorrenza, anche il mondo dell’informatica in senso stretto si sta adeguando a quelle che sono le esigenze del mercato, soprattutto per quanto riguarda quelle che sono le richieste della popolazione più giovane.
Questo però non significa di certo che i giovani siano disposti a rinunciare all’utilizzo del televisore, anche perché le nuove TV che stanno invadendo il mercato sono in grado di offrire loro le stesse caratteristiche che cercano in smartphone e simili. Infatti le nuove smart TV trovano tantissimo consenso tra i giovani, forti del loro essere completamente interattive.
Possiamo quindi affermare che la tecnologia è un elemento indispensabile nella vita dei giovani, a patto però di non dover rinunciare ai bei momenti dati dallo stare fisicamente insieme con le persone a cui vogliono bene.