Archivio tag: fotografia

Trasformare l’amore per la fotografia in un lavoro

Sono tanti i giovani che hanno come hobby la fotografia. Si parte con le foto fatte con lo smartphone poi si acquista una reflex digitale, poi si finisce magari ad acquistare qualche strumento per l’illuminazione professionale ed ecco che la passione per la fotografia può diventare una vera opportunità di lavoro una volta finita la scuola. In questo articolo vedremo come trasformare questa passione in un lavoro remunerativo.

Se vi piacciano gli eventi live, i concerti ed i festival, fare il fotografo di eventi fa per voi. Avrete un pass stampa per accedere a punti in cui gli altri partecipanti ai concerti non possono arrivare, ed avrete un punto di vista privilegiato proprio davanti ai palchi per scattare le vostre foto. Potrete viaggiare in lungo ed in largo e vedere un sacco di concerti gratis se lavorate per una rivista o se ad una rivista andrete a rivendere le vostre foto.

Il fotografo matrimonio è sicuramente il lavoro più remunerativo nell’ambito dei lavori legati alla fotografia e questo perchè poche coppie che si sposano rinunciano al fotografo. Ovviamente in questo caso è necessaria una formazione specifica e un po’ di gavetta presso un fotografo già quotato. Mentre fate un po’ di gavetta prendente confidenza con il mondo della promozione online in quanto il fotografo di matrimonio lavora all’80% grazie agli ingaggi ottenuti attraverso internet.

Cominciate quindi con il farvi un bel sito web in stile portfolio, date quindi importanza ai social network per mostrare i vostri lavori migliori e non dimenticate di iscrivervi su Matrimonio.com

Infine se amate fotografare oggetti, cibo e soggetti a tema turistico potreste pensare di fare lo stock photographer ovvero di realizzare foto da mettere in vendita su appositi canali perchè vengano utilizzate su materiale pubblicitario, riviste cartacee e siti web. I siti migliori per vendere foto stock sono Istock Photo, Shutter Stock e GettyImages. Per guadagnare come stock photographer dovrete essere molto produttivi, almeno nella fase iniziale.

Vedere la vita, vedere il mondo – LIFE. I grandi fotografi

 

Ancora pochi giorni per poter vedere gli scatti, le immagini e conoscere i dietro le quinte che hanno reso la rivista americana Life uno dei punti di riferimento più autorevoli del panorama della Fotografia Internazionale. Si concluderà il 4 Agosto la mostra LIFE. I Grandi Fotografi presso il nuovo spazio AuditoriumExpo dell’Auditorium Parco della Musica, una produzione della Fondazione Musica per Roma e della Fondazione FORMA per la Fotografia in collaborazione con Life e Contrasto. Il Novecento raccontato dai grandi scatti del Fotogiornalismo secondo la filosofia del reportage per immagini di Henry Luce “Vedere la vita, vedere il mondo”.

Sin dalla sua prima uscita nel 1936, Life si è contraddistinta per il racconto dell’attualità da un punto di vista privilegiato e diverso dal solito, ovvero mediante l’obiettivo dei suoi fotografi. 99 fotografi tra i più celebri della storia della fotografi mostrati attraverso la loro arte, il loro modo di vedere gli eventi, i fatti, la storia: Bourke-White, Parks, Eisenstaedt, Robert Capa e tanti altri.

La mostra non è solo un omaggio alla grande fotografia ma anche lo specchio dei grandi eventi che hanno caratterizzato il Novecento americano e Internazionale: la depressione degli anni Trenta, la Seconda Guerra Mondiale dei Quaranta, il dopoguerra, il Vietnam fino ai giorni nostri. La mostra può anche essere l’occasione per apprendisti o esperti di carpire i grandi segreti della grande fotografia, le tecniche, la luce, il punto focale, comprendere come raccontare emozioni con il proprio obiettivo. La mostra ha già riscosso un gradito successo confermando come sono molti gli appassionati di fotografia intenti ad affinare le proprie tecniche e conoscenze anche interfacciandosi con i grandi maestri della fotografia del XX secolo per capire come si possa evolvere dalla ripresa in sala pose e i corsi di fotografia, alla fotografia di strada, al fotogiornalismo e reportage. La mostra è una produzione inedita, una raccolta di circa 150 scatti emozionali, espressivi e analitici capaci di attrarre a sé anche gli occhi di una platea molto variegata di pubblico dai professionisti fotografi agli appassionati d’arte visiva, giovani e adulti, neofiti o esperti.