Archivio della categoria: Viaggi

Amsterdam e Anversa, le città dei diamanti

 

La reputazione di Amsterdam come città dei diamanti risale al XVI secolo, quando per sottrarsi alla vessazioni religiose degli spagnoli, molti maestri tagliatori che vivevano ad Anversa si trovarono obbligati a scappare trovando un sicuro rifugio nella libera città di Amsterdam, che divenne così il nuovo epicentro della compravendita e dell’intaglio dei diamanti. La sua importanza si radicò ancora di più quando a partire dalla seconda metà del 1800 furono trovati i diamanti in Sud Africa. Era la città di Amsterdam che si occupava del loro smistamento. Nei primi anni del 1900 il settore dei diamanti in questa città vedeva impiegate oltre 10.000 persone.

Nel 1936 ad Amsterdam venne organizzata la prima esposizione di queste preziose pietre. Le vicissitudini legate alle vicende belliche della seconda guerra mondiale colpirono duramente la città. Oltre 2000 tagliatori di diamanti ebrei vennero deportati in Germania e perirono nei campi di concentramento. A seguito di questo sconvolgente fatto la città di Anversa poté riconquistare il primato sul mercato. Ma Amsterdam si risollevò ben presto e a partire dal 1948 le esportazioni di diamanti e le relative transazioni che si svolgono alla borsa dei diamanti di Amsterdam superano ogni anno le importazioni di circa 10 milioni di euro. La rivalità fra le due città, come si evince chiaramente, è antica e per comprendere ancora di più questo basta ricordare che già durante il XVI secolo Anversa rivestiva il ruolo di leader per quanto riguardava lo sviluppo di tecniche di lavorazione dei diamanti. La sua fama era enorme al punto tale che perfino il Re francese Francesco I, invece di utilizzare i tagliatori di diamanti parigini, si avvalse dell’abilità indiscussa degli intagliatori anversesi.

La città di Anversa infatti, prima della repressione spagnola, aveva in mano quasi il 40% del traffico navale e quindi anche i diamanti sbarcavano nel suo porto. Quando gli ugonotti e gli ebrei furono costretti a scappare rifugiandosi nella più tollerante Amsterdam portarono con loro tutta la capacità e l’arte. La città ebbe perciò la possibilità di esercitare un regime di stretto monopolio, che non riguardava esclusivamente l’industria, ma anche il loro commercio. Anversa venne relegata alla lavorazione di quelle considerate di qualità inferiore. Nonostante questo smacco gli abili artigiani anversesi ebbero la capacità di risollevarsi, trasformando quella situazione in una attività prestigiosa riuscendo a far divenire piccole e mediocri pietre delle meravigliose gemme raffinatamente lavorate.

Sul sito web www.idclondon.net troverete informazioni dettagliate sui diamanti utilizzati come beni utili per gli investimenti, quotazioni e consigli su come investire oggi.

Vacanze a Senigallia (Marche): passeggiando tra il Lungomare e il Centro storico

Una vacanza negli hotel di Senigallia è il modo più semplice per poter scoprire le bellezze da questa perla che si affaccia sul Mare Adriatico. La sua spiaggia è famosa per la particolare sabbia che risulta essere molto fine e sottile… impalpabile quasi fosse di velluto. Ma oltre alla spiaggia la città propone al turista anche un mare incontaminato, in cui si riflette la meraviglia della natura circostante.

Uno dei simboli di questa interessante località turistica è la celeberrima Rotonda, che fin dai lontani anni trenta rappresenta il punto d’incontro ove poter passare bellissime serate danzanti e gradevoli pomeriggi. Lungo il suo litorale il turista può trovare numerosi locali ove poter degustare dell’ottimo pesce dell’Adriatico e assaporare stupenti gelati proposti dai vari bar presenti. Ma la città di Senigallia non rappresenta unicamente una incantevole località di mare, il luogo nel quale poter passare le proprie vacanze in pieno relax, godendo del sole e del piacevole programma estivo dedicato ai turisti.

Alla scoperta dell’abitato di Senigallia

Infatti essa raffigura anche un momento unico, nel quale si può anche dedicare del tempo placidamente ad ammirare le magnificenze del passato, come ad esempio il Palazzo Mastai, dove è conservata una ricca collezione di preziosi cimeli appartenuti a Papa Pio IX, nativo di Senigallia, oppure stupirsi a ragione della maestosità della Rocca Roveresca.

Soggiornare negli hotel di Senigallia, in virtù del suo considerevole patrimonio di preziosissime testimonianze ricche di significati sia storici sia architettonici come delle meraviglie naturali, vuol dire passare una vacanza all’insegna del completo e totale riposo. Senigallia offre la sua tipica accoglienza, il suo forte senso di ospitalità e grazie anche alla sua gente, tradizionalmente affabile e accogliente, unita alle innumerevoli ricchezze e opportunità di svago, concede ad ogni ospite una esperienza originale ed esclusiva.

Un modo per poter ritemprare sia il corpo sia lo spirito, riscoprendo usi, costumi e abitudini che fanno rilassare e che corroborano e tonificano il nostro spirito. Scopri le offerte per le tue vacanze a Senigallia visitando il sito www.senigalliahotels.com.

Viaggio in Birmania

 

Un Paese affascinante, ricco di tradizioni e di spiritualità: è il Myanmar, conosciuto fino a qualche anno fa come Birmania e soprannominato “il paese delle mille pagode” – perchè è probabilmente la zona che vanta il maggior numero di templi buddhisti antichi e moderni – o “la terra dorata”. Dal punto di vista del clima, il periodo migliore per programmare un viaggio in Birmania è nei mesi compresi da novembre a febbraio, quando le precipitazioni sono più rare e il caldo umido tipico della zona è maggiormente tollerabile.

Cosa vedere
La capitale della Birmania, dove si trova anche l’aeroporto internazionale, è Yangon: tra le attrazioni principali della città c’è la cupola dorata della Shwedagon Paya, un maestoso monumento costruito sulla collina per custodire otto capelli del Buddha; molto particolare la statua del Buddha reclinato della Chaukhtatgyi Paya mentre è immancabile una visita al mausoleo dei Martiri per la democrazia e alla casa di Aung San Suu Kyi. Da qui potete anche dirigervi verso la Tailandia e sostare lì qualche giorno, prenotando anche all’ultimo, tra le offerte online che trovi in siti come questo, per ammirare il più possibile le bellezze di un Continente così lontano da noi.

Informazioni utili prima di partire
Prima di partire, bisogna controllare i propri documenti. Per viaggiare in Birmania serve il passaporto in corso di validità con scadenza minimo 6 mesi e il visto dell’ambasciata che normalmente viene concesso per quattro settimane. Nessuna vaccinazione è obbligatoria, ma è consigliato vaccinarsi contro l’epatite A e fare un richiamo dell’anti-tetanica.

La sicurezza in Birmania
Il Myanmar non è di certo il paese asiatico più facile o più tranquillo da visitare, ma è uno dei meno occidentalizzati al mondo ed è popolato da persone cordiali e disponibili con i turisti. La situazione interna del Paese non presenta particolari problemi, tuttavia ci sono alcune zone che è meglio evitare, come la frontiera con la Thailandia, dove spesso si verificano scontri a fuoco con contrabbandieri, gruppi di ribelli e di rifugiati, e la frontiera con il Bangladesh, teatro di scontri violenti a causa di forti tensioni etniche e religiose tra le due popolazioni.

Vacanze estate: l’Argentario è fra le mete dei giovani

Il promontorio del Monte Argentario in Toscana, è uno dei più belli tra quelli che si affacciano nel Mar Tirreno: esso si trova nella provincia di Grosseto ed ha due centri abitati altrettanto belli e cioè Porto Santo Stefano e Porto Ercole.

Questo luogo fu frequentato originariamente dagli Etruschi e prende il nome dall’omonimo monte, mentre il patrono è Sant’Erasmo che si festeggia il 2 giugno.

Le spiagge del Monte Argentario sono molto rinomate e sono quelle della Giannella e della Feniglia: la prima si trova più a nord, poco prima di Porto Santo Stefano, spiaggia adatta alla vela e che ha alle spalle una lunga pineta, mentre la seconda si trova più a sud, prima di arrivare a Porto Ercole, ed ha anch’essa una pineta alle spalle, la Riserva Forestale di Protezione Duna Feniglia, dove si possono incontrare anche molti daini.

La Giannella e la Feniglia sono i due Tomboli che collegano l’Argentario alla terraferma.

Porto Santo Stefano è il capoluogo dell’Argentario, ed è costituito da due porti: il porto commerciale che è il più grande e quindi un riferimento per le imbarcazioni, e il porticciolo della Pilarella, che è più piccolo ed è più un luogo da passeggio.

Invece Porto Ercole è una località balneare famosa soprattutto per i suoi pescatori e per le grandi fortezze spagnole e cioè Forte Filippo, la Rocca e Forte Stella, dove la panoramica sul mare è molto bella. E’ qui che morì nel 1610 il famoso pittore italiano Michelangelo Merisi, detto Caravaggio.

http://megatrip.it/649-vacanze-estate.html