Luglio 3, 2020

Cosa fa un disegnatore meccanico

 

La decisione più importante a cui si trova di fronte un adolescente è sicuramente quella relativa all’istituto di scuola superiore da frequentare. Al 13 o 14 anni spesso si hanno le idee molte confuse sul proprio futuro e, seppure ci si renda già conto di alcuni dei propri punti di forza e di debolezza, individuare la scuola ideale risulta essere piuttosto complicato, nonostante il prezioso supporto e i suggerimenti di professori e genitori.

C’è il ragazzino più pratico e concreto, portato per le materie matematiche e scientifiche, quello fantasioso e abile nella scrittura, che dovrà indirizzarsi agli studi umanistici, e quello che è nato per disegnare, per il quale il liceo artistico o un istituto professionale tematico è la soluzione più adatta.

Chi si sente disegnatore, vorrà però sapere a quali professioni potrà concretamente dedicarsi al termine degli studi superiori, perché di Picasso o Van Gogh non ne nascono poi molti e bisogna pur darsi da fare per “portare a casa la pagnotta”. Le figure professionali più note e diffuse sono quelle dell’architetto (per cui è necessario effettuare anche gli studi universitari) e del geometra, ma esiste anche il disegnatore meccanico. Esso lavora come impiegato in aziende di solito molto settorializzate, operanti nel settore meccanico o chimico, e si occupa del disegno tecnico di macchinari o parti di macchinari servendosi di software di disegno tridimensionale, tra cui Autocad. I disegni serviranno poi per produrre i pezzi o i manuali operativi che descrivono la struttura del macchinario. Per poter effettuare la professione, al termine del percorso superiore, che si può effettuare presso un Istituto Tecnico Professionale Sperimentale (ITIS), è consigliabile iscriversi ad un corso Autocad, così da essere preparati ed aggiornati sull’utilizzo dell’ultima versione del più importante strumento di disegno meccanico.

Comments

comments

Lascia un commento