Luglio 3, 2020

Ai tempi delle scuole sponsorizzate

Pensando alla situazione del sistema scolastico Italiano caratterizzato dai continui tagli previsti dagli ultimi governi, le condizioni inefficienti delle strutture e dei servizi, le classi sempre più affollate e gli insegnanti tra precariato, tagli di stipendio, concorsi bloccati o inesistenti sono molti i genitori che progettano di iscrivere i propri figli presso le strutture scolastiche e formative private. Ciò spiega l’aumento degli iscritti alle scuole private a Milano, Roma, Torino e altri importanti centri urbani, in linea con i dati del quotidiano La Repubblica che registrano come l’iscrizione presso le scuole paritarie rispetto alle pubbliche sia aumentato dell’8 % rispetto all’1,8% del settore pubblico nel periodo che va dagli anni accademici 2004/2005 al 2010/2011.

La principale causa del crollo degli iscritti delle scuole primarie e secondarie pubbliche è da identificarsi soprattutto con i tagli all’istruzione. Diversi istituti su tutto il territorio Italiano ha dovuto quindi far fronte a situazioni di bilancio davvero drammatiche che ha portato a soluzioni immediate inevitabili con conseguenza il peggioramento della qualità dell’istruzione e dell’educazione dei bambini e ragazzi: licenziamenti del corpo docente e degli operatori scolastici, accorpamento di più istituti sotto un’unica presidenza e segreteria, costituzione di classi più numerose e quindi più difficili da gestire, tagli alle attività extrascolastiche, mancanza di strumenti didattici idonei.

Caso eccezionale nel panorama Italiano che potrà essere preso da esempio per la razionalizzazione delle risorse e il reperimento delle stesse laddove governi e ministeri vengono meno è il Liceo Classico Beccaria di Milano, che ha indetto un progetto innovativo, efficace, efficiente e soprattutto veloce. Il nome del progetto è “Adotta un cervello” e sembra essere l’idea di un genitore di un alunno dell’istituto. Il meccanismo è semplice e si basa sulla sponsorizzazione.

Per far fronte alla mancanza di fondi pubblici per dotare l’istituto di un Aula Magna multimediale al passo con i tempi, in linea con le esigenze formative e le capacità di fruizione dei giovani studenti si è proposto alle aziende private di finanziare e quindi sponsorizzare il liceo classico. Proprio sul taglio dell’imprenditorialità si è offerto ad aziende private di sponsorizzare la costruzione della nuova Aula in pochissimo tempo sono stati raccolti 25 mila Euro per la dotazione delle tecnologie e dei supporti multimediali necessari per lo svecchiamento dell’Aula Magna e renderla veramente all’avanguardia.

Alle aziende private sono stati proposti diversi pacchetti per partecipare da 5000, 10000 e 15000 Euro in cambio del proprio nome sulla targa degli sponsor nell’Aula stessa, il logo sul sito web dell’istituto e viceversa la possibilità di pubblicare il logo e rendersi partners del più antico e rinomato Liceo di Milano sulle proprie pagine aziendali. La prima azienda aderente all’iniziativa è stata una libreria specializzata in editoria per la scuola.

Buon esempio di autogestione finanziaria nato dagli stessi genitori e ragazzi che potrebbe spingere altre realtà tutt’ora in crisi a scegliere strade alternative e creative per garantire la piena efficienza del proprio operato.

Comments

comments

Lascia un commento