Luglio 3, 2020

Gravidanza extrauterina cosa fare

Se scopriamo di avere una gravidanza extrauterina la prima cosa da fare è recarci all’ospedale più vicino. Ok, ma come lo scopriamo? Male. Nel senso che per le prime 5 o 6 settimane la gravidanza extrauterina non fornisce sintomi molto diversi da una normale gravidanza. Anzi in alcuni casi non ha proprio sintomi. Può essere presente un po’ di febbre, ma molte donne la attribuiscono alla gravidanza e non se ne preoccupano. Dopo 5 o 6 settimane di gestazione, invece, i sintomi sono ben evidenti e spesso anche molto dolorosi.

La gravidanza extrauterina si può manifestare sia con forti dolori al basso ventre che con forte emorragie pelviche, decisamente pericolose per chi soffre di diabete o ha problemi di coagulazione del sangue. In presenza di questi sintomi l’unica cosa da fare è andare subito al pronto soccorso. Se la infezione non si è estesa, allora sarà sufficiente eseguire un raschiamento, altrimenti sarà necessario fare l’asportazione della tuba o dell’ovaia interessata. Per evitare di arrivare a questo punto, recatevi immediatamente dal ginecologo non appena avete il dubbio o la certezza di essere in stato interessante. Una semplice ecografia scongiurerà la presenza di una gravidanza extrauterina. Ma anche con la visita il ginecologo potrà accorgersi se c’è qualcosa che non va.

Comments

comments

Lascia un commento