Archivio della categoria: video

Giovani e creatività: scade a breve il concorso Videopolis

Questo blog parla di giovani, video, divertimento

Alla scadenza il concorso Videopolis

Vi ricordiamo che sta per scadere il Concorso per opere videocinematografiche (documentari e/o fiction) “Videopolis creativ©ity”, indetto dalla Regione del Veneto e presieduto da Folco Quilici.

Le opere dovranno pervenire entro e non oltre il 15 settembre 2009 – L’iscrizione è gratuita.

Premio speciale “Videopolis Studio System”: Euro 20.000,00 (destinato al vincitore del concorso per la coproduzione di un audiovisivo finalizzato alla valorizzazione del territorio regionale veneto).
Premio speciale della giuria: Euro 3.000,00
Premio del pubblico: Euro 1.000,00

Informazioni, bando completo e scheda di iscrizione sono disponibili su:
www.regione.veneto.it/videopolis

 

 

Consulta i nostri blog su docenti scuola e esercizi inglese


Giovani, televisione, democrazia: Videocracy Teaser

Questo blog pubblica notizie inerenti a giovani, divertimento, video, tecnologie

Marketing, comunicazione e democrazia: Videocracy Teaser

In una videocrazia la chiave del potere è limmagine. In Italia soltanto un uomo ha dominato le immagini per più di tre decenni. Prima magnate della TV, poi Presidente, Silvio Berlusconi ha creato un binomio perfetto caratterizzato da politica e intrattenimento televisivo, influenzando come nessun altro il contenuto della tv commerciale in Italia. Un film di Erik Gandini. Al cinema dal 4 settembre.

Consulta i nostri blog su intraprendere e supplenze


Uno dei video virali più visti in rete: Where the Hell is Matt? (2008)

Where the Hell is Matt? (2008)

Matt Harding e’ un giovane di 32 anni che un bel giorno nel 2003, lasciò il suo lavoro di programmatore di videogames perchè aveva capito che “si stava perdendo qualcosa nella vita”.

Cosi’, utilizzo’ il denaro che fino a quel momento gli aveva reso il suo lavoro ed incominciò a girare l’Asia senza meta fino a quando il denaro gli sarebbe bastato.
Utilizzo’ il suo sito web per comunicare alla famiglia ed agli amici dove si trovasse in quel momento.

Un giorno mentre si trovava ad Hanoi (Vietnam), un amico di Matt gli chiese di mettersi in posa e cominciare a ballare davanti alla sua telecamera che avrebbe ripreso il tutto.

Matt fu d’accordo e cominciò a ballare. Fu una danza davvero insolita, impacciata, al limite del ridicolo ma anche per questo divertente.

L’amico di Matt mise il video in rete e per qualche anno rimase nel dimenticatoio : fu notato davvero da pochi.

Poi un giorno qualcuno lo notò e lo consiglio’ ad altre persone che divertite, a loro volta lo consigliarono ad altre ed in men che non si dica, Matt diventò molto popolare in rete , a causa del suo video che lo ritraeva ballare in modo assurdo…

Il tamtam mediatico che generò fu virale . La popolarità di questo personaggio fu notata dai manager di Stride Gum , una società produttrice di chewing gum che si offri da sponsor per far compiere a Matt un secondo viaggio in giro per il mondo “ballando” in ogni stato che avrebbe visitato. Questi balli sarebbero serviti per la realizzazione di un secondo video.

Nel 2006 Matt fece un viaggio della durata di 6 mesi in 39 paesi e 7 continenti e questo nuovo video lo rese piuttosto famoso.

L’ inaspettata popolarità genero’ una curiosità verso il personaggio che si tramuto’ nel tentativo di contatto con Matt da parte di centinaia di persone ogni giorno tra fan e semplici curiosi.

Nel 2007, a Matt venne in mente un’idea: contattare la Stride Gum per farsi sponsorizzare un nuovo video girato in tutto il mondo ma questa volta con la compartecipazione di tutte le persone che lo avevano contattato da ogni parte del mondo. Queste persone avrebbero partecipato al nuovo video ballando con lui.

Il risultato e’ il video qui sopra.

Matt ha capito che viaggiare in modo economico , grazie alle sue idee e all’aiuto della StrideGum era possibile.

www.wherethehellismatt.com
www.stridegum.com

Se ti è piaciuto questo blog ti potrebbero interessare questi blog dedicati al Turismo professionale e all’ Università.