Archivio della categoria: lavoro

Imprenditoria giovanile online, nuove opportunità di lavoro

In Italia aumentano sempre di più i giovani che decidono di cercare lavoro all’estero anche se qualcuno di loro, piuttosto che allontanarsi, preferisce aprire un’attività imprenditoriale online per avere successo e guadagnare autonomamente.
Avviare un e-commerce può essere davvero una buona idea per iniziare la propria attività su internet. Ci sono tantissimi settori sui quali indirizzarsi e le piattaforme online offrono molti strumenti pronti ed immediati. Chi si accinge ad aprire un negozio online ovviamente deve informarsi su come si comportano i clienti che comprano in rete, che ovviamente sono diversi dai clienti fisici. Per questo però occorre fare tanta pratica e addestramento.
I costi molto ridotti di questo tipo di attività consentono di aumentare gli utili limitando al minimo le spese del negozio fisico. Il proprio sito deve essere ben indicizzato e visibile sui motori di ricerca in quanto questo è un dato essenziale per vendere i propri prodotti.
Sono molti coloro che si vorrebbero buttare sull’e-commerce ma non hanno idea di come cominciare. Se si è già proprietari di un’ attività commerciale una soluzione è aprire un negozio online affidandosi ai siti come shoppingdonna.it. In questo modo si potrà creare una vetrina virtuale e utilizzando gli strumenti interattivi che il portare offre si può facilmente vendere i prodotti 24h su 24h in Italia e nel mondo.
Altri modi per combattere la disoccupazione e affidarsi alla rete per aumentare i propri guadagni è, per esempio, quello di aprire un blog e iniziare la propria attività con poche decine di euro. Per aprire un proprio sito personale, infatti, occorre trovare un nome, (che sarà anche l’indirizzo internet), uno spazio per ospitare i dati e le informazioni e una piattaforma tipo blogger o wordpress che funga da interfaccia sia per noi che per gli utenti che leggono i nostri contenuti. Per avviare un sito non servono permessi o documenti particolari e si può parlare di qualunque argomento (esclusi ovviamente quelli offensivi, volgari, che incitano alla violenza ecc.) liberamente e condividerlo con i propri utenti/clienti. Attraverso un blog o un sito personale si può guadagnare grazie alle pubblicità ma anche vendendo prodotti virtuali (ebook, audio, video).

Chi decide di aprire un’attività online deve essere incoraggiato dal numero sempre crescente (55,6%) di italiani che fanno acquisti online sia per i prezzi più bassi che per la vasta scelta e la rapidità con la quale si può ricevere il prodotto desiderato direttamente a casa propria.
L.P.

Riink Aversa: il contact center che cerca te

Cerchi un lavoro? Vuoi conoscere un mondo nuovo? Ti piace lavorare nel marketing e nella comunicazione? Hai buone doti di problem solving? Sei cortese, gioviale e empatico?
Hai provato a lavorare in un contact center?
I contact center sono quei call center out bound che gestiscono campagne promozionali su grosse commesse aziendali.
Per lavorare in un contact center bisogna amare la comunicazione, il marketing ed aver tanta voglia di mettersi in gioco.
In Italia ci sono diversi contact center sempre pronti ad accogliere nuovi operatori, tra di essi pero’ spicca Riink srl con sede ad Aversa.
Riink srl non e’ il classico contact center ma e’ un modo di vivere il call center out bound come esperienza di lavoro e formazione ma sopratutto come una sfida quotidiana a dare sempre il meglio di se, non in solitudine bensì in gruppo.
Riink srl Aversa e’ un contact center in grado di soddisfare le esigenze delle piu’ note aziende del settore energia e telecomunicazione ma sopratutto e’ quel tipo di contact center dove l’empatia e’ messa al centro della giornata di lavoro.
Infatti in Riink srl non si lavora esclusivamente ma si cresce tutti insieme, si progetta e si creano azioni di marketing atti a soddisfare la clientela aziendale. Ogni nuovo entrato segue un percorso di formazione e lavoro in Riink srl Aversa sono previste giornate ed incontri formativi e di aggiornamento tesi a migliorare le proprie capacita’ comunicative e sopratutto ad entrare nello spirito aziendale.
Inoltre Riink srl da la possibilita’ ad ogni operatore di crearsi un futuro nell’azienda, e soprattutto di ricevere compensi mensili ad alti livelli.
La sfida non e’ tua sola ma e’ di tutto lo staff aziendale: la soddisfazione non e’ solo quella del cliente che si affida a Riink srl per le promozioni aziendali ma e’ anche di chi acquista un prodotto o stipula un contratto attraverso Riink.
Tu ti senti pronto ad affrontare la grande sfida di Riink?
Riink srl Aversa cerca proprio te: qui informazioni.

Qualche trucco per vivere la tua vita da freelancer in Italia

In Italia aumenta a vista d’occhio il numero dei freelance. Essere freelancer piace a tutti sopratutto ai giovani ma notevole numero di freelance si trova anche nella fascia d’età tra i 30 e i 40 anni.

Il freelance è nei fatti un libero professionista: Il freelance non ha un contratto a tempo indeterminato, vista così sembra un lavoro complicato e poco carino ma ne siamo sicuri? In America oltre 1 terzo della forza lavoro opera in modalità freelance. I freelancer in Italia non sono quanto gli americani ma crescono in modo esponenziale.

Ecco qualche consiglio per vivere la propria condizione di freelancer in modo migliore

1-Per la contabilità evita il fai da te ma affidati spendendo qualche soldino ad un buono studio di consulenza eviterai figuracce con il Fisco, quello non perdona;

2- Impara a considerarti non un lavoratore ma “Una persona in cerca d’affari”. Ridi? E’ così il freelancer è un imprenditore, un imprenditore di sé stesso;

3- Impara a fare ottimo marketing su te stesso, tu stesso sei un brand, cura prima il tuo e bene curerai meglio quello del tuo cliente;

4- Impara a fare un piano di marketing per te : prodotti, servizi, target, possibili clienti, li raggiungi meglio ed in modo meno stressato;

5- Cerca sempre di avere almeno un progetto di lunga durata, una entrata fissa non fa mai male nemmeno al miglior freelancer in Italia;

6- Evita di seguire troppi progetti differenti ma specializzati in un determinato settore, ti occupi di editing: scrivi, ti occupi di programmazione? Programma;

7- Fai rete. Conoscere altri freelancer in Italia ti aiuterà a portare avanti i tuoi progetti e quelli dei tuoi clienti;

8- Sfrutta al massimo il potere dei social network specie se sei un freelancer che operi nell’area marketing

9- Sii sempre sorridente, disponibile e friendly: il tuo cliente, se coccolato, ritorna o ti presenta ad altre aziende.

10-Abbi sempre a disposizione il tuo database di clienti e di contatti: possono sempre tornare utili.

 

E se cerchi ingaggi nel settore freelancer in Italia qualsiasi sia la tua professionalità è necessario frequentare marketplace: uno tra tutti Addlance.com, qui puoi crearti un tuo profilo professionale gratuito e sopratutto puoi entra in contatto con tantissime aziende. 

Cosa fa un disegnatore meccanico

 

La decisione più importante a cui si trova di fronte un adolescente è sicuramente quella relativa all’istituto di scuola superiore da frequentare. Al 13 o 14 anni spesso si hanno le idee molte confuse sul proprio futuro e, seppure ci si renda già conto di alcuni dei propri punti di forza e di debolezza, individuare la scuola ideale risulta essere piuttosto complicato, nonostante il prezioso supporto e i suggerimenti di professori e genitori.

C’è il ragazzino più pratico e concreto, portato per le materie matematiche e scientifiche, quello fantasioso e abile nella scrittura, che dovrà indirizzarsi agli studi umanistici, e quello che è nato per disegnare, per il quale il liceo artistico o un istituto professionale tematico è la soluzione più adatta.

Chi si sente disegnatore, vorrà però sapere a quali professioni potrà concretamente dedicarsi al termine degli studi superiori, perché di Picasso o Van Gogh non ne nascono poi molti e bisogna pur darsi da fare per “portare a casa la pagnotta”. Le figure professionali più note e diffuse sono quelle dell’architetto (per cui è necessario effettuare anche gli studi universitari) e del geometra, ma esiste anche il disegnatore meccanico. Esso lavora come impiegato in aziende di solito molto settorializzate, operanti nel settore meccanico o chimico, e si occupa del disegno tecnico di macchinari o parti di macchinari servendosi di software di disegno tridimensionale, tra cui Autocad. I disegni serviranno poi per produrre i pezzi o i manuali operativi che descrivono la struttura del macchinario. Per poter effettuare la professione, al termine del percorso superiore, che si può effettuare presso un Istituto Tecnico Professionale Sperimentale (ITIS), è consigliabile iscriversi ad un corso Autocad, così da essere preparati ed aggiornati sull’utilizzo dell’ultima versione del più importante strumento di disegno meccanico.