Guida veloce alla scelta dei materassi a molle

Il materasso è un prodotto che viene sostituito poche volte nel corso della vita quindi può succedere che nel momento in cui si decida di acquistarne uno nuovo ci siano molte dubbi su quale tipologia scegliere.

 

Chiacchierando con i responsabili dell’azienda Paolo Spotti di Cremona, che da anni si occupa della commercializzazione di materassi di ogni tipologia, sono emersi interessanti spunti per comprendere meglio cosa voglia dire scegliere un materasso a molle.

 

In commercio esistono materassi di ogni tipo contenenti materiali diversi che di conseguenza offrono prestazioni differenziate, i materiali più diffusi sono le molle, le schiume di poliuretano e il lattice.

 

I materassi a molle vengono prodotti a partire dall’inizio del secolo scorso e nel corso del tempo si sono molto evoluti migliorando sempre di più comfort e sostegno.

 

I primi modelli di materassi contenevano le molle Bonnell, dalla forma a clessidra, collocate in file parallele e unite fra di loro da un cavo d’acciaio, tali materassi, realizzati tutt’ora, sono in grado di garantire un elevato sostegno, offrono una certa rigidità quindi sono più adatti a corporature robuste.

 

Le molle LFK, introdotte successivamente, invece hanno una forma diversa, sono infatti cilindriche ed hanno un diametro piccolo, fattore che comporta l’utilizzo di più molle all’interno del materasso.

 

Comprendendo un maggior numero di molle il prodotto risulta più soffice e accogliente e le corporature leggere possono trovarsi meglio rispetto ad un prodotto con molle Bonnell.

 

I materassi a molle indipendenti segnano un’ulteriore evoluzione, garantiscono performance superiori in fatto di ergonomia perché ogni molla “lavora” singolarmente, non viene influenzata dalle altre quindi restituisce una spinta proporzionata al peso esercitato.

 

Questa tipologia può essere presa in considerazione quando i componenti di una coppia hanno corporature differenti perché ognuno sarà sostenuto in modo personalizzato.

 

Anche se oggi i materassi a molle sembrano superati dalle nuove tecnologie memory, la richiesta è ancora molto alta e lo sviluppo è costante e continuo per trovare soluzioni che migliorino sempre di più la qualità del riposo su questi materassi.

 

Comments

comments

Lascia un commento